CONTEMPLAZIONE E DESIDERIO DI DIO

La conoscenza e l’esperienza di Dio sono elementi emozionali e cognitivi fondamentali per capire chi siamo e dove andiamo. Ma la conoscenza di Dio nasce dal desiderio di Dio; e il desiderio di Dio, a sua volta, nasce nell’uomo dalla contemplazione degli attributi divini presenti in ogni angolo della natura ambientale e negli spazi più nascosti del cuore umano.

Quando la nostra anima si nutre del bene dello Spirito, ne ha un continuo desiderio. Questo è un desiderio dolce, non ossessivo. È un desiderio appagante già per se stesso, un desiderio che non consuma e non si consuma, poiché è attrazione che si nutre del fascino che in sé l’anima stessa racchiude. È il desiderio di un cuore incantato di fronte alla bellezza contemplata ed è ben diverso, per natura e per effetto, dal desiderio di possesso o di godimento di un bene materiale o strumentale. Quest’ultimo, infatti, è ansioso, non sa aspettare e non si calma finché non raggiunge l’obiettivo desiderato e, una volta raggiunto, si brucia in se stesso lasciandosi dietro una bramosia inquietante.